LA SVOLTA DI BENEDETTO XVI NELL’ALLOCUZIONE ALLA ROTA ROMANA DEL 26 GENNAIO 2013

803

Raffaele Coppola
Avvocato di Santa Sede, Curia Romana e del Tribunale della Rota Direttore del Centro di Ricerca “Renato Baccari”
Dipartimento di Giurisprudenza – Università di Bari “Aldo Moro”

SCARICA ART. IN PDF 

Questo contenuto è riservato ai soci

Accedi per continuarne la lettura!


BIBLIOGRAFIA

  1. BERTONE, La funzione giudiziale è parte della missione della Chiesa, in L’Osservatore Romano, 27 gennaio 2013, p.7.
  2. PAOLOVI, Discorso alla Sacra Rota Romana, 27 gennaio 1969, inwww.vatican.va.
  3. «… [C]um non humana sed divina fiat auctoritate quod in hac parte per Summum Pontificem adimpletur, qui non hominis puri, sed veri Dei verus Vicarius appellatur. Nam quamvis simus Apostolorum principis successores, non tamen ejus aut alicujus Apostoli vel hominis sed ipsius sumus Vicarii Jesu Christi. Unde quos Deus spirituali conjunctione ligavit, non homo, quia non Vicarius hominis, sed Deus, quia Dei Vicarius, separat, cum Episcopos a suis sedibus per eorum cessionem, depositionem et translationem aliquando removemus » (INNOCENTIUS III, 326, Faventin. Episcopo, Sacra docente Scriptura, 8 agosto 1198 (VI Id. Augusti), in Epistolarum Innocentii III. Romani Pontificis Libri Undecim., a cura di Stephanus Baluzius, Parisiis 1682, Tomus Primus, p. 181, col. 2; nonché in Regestorum Sive Epistolarum, I, a. 1198-1202, in PL 214, col. 292A). Si tratta di un concetto assai caro a  quell’insigne canonista e teologo che fu papa Lotario, che egli espresse non meno incisivament eanche altrove: «Christiani de Apostolico sentire non debent: qui licet peccatores simus, et nati de peccatoribus, illius tamen vices exercemus in terris qui peccatum non fecit, nec inventus est dolus in ore ejus, qui cum sit Dominus omnium, habens in vestimento et in femore suo scriptum Rex regum et Dominus dominantium in nobis honoratur, cum honoramur; et contemnitur, cum contemnimur …» (ID., Epist. 88, Rectoribus Tusciæ, Mirari cogimur, 16 aprile 1198 (XVI Kal. Maii.),inEpistularumInnocentiiIII,cit.,p.47,col.1,nonchéinRegestorumSiveEpistolarum,cit.,inPL214,col.75C); «… Non enim homo sed Deus separat quod Romanus pontifex, qui non puri hominis sed veri Dei vicem gerit in  terris, Ecclesiarum necessitate velutilitate pensata, non humana sed divina potius actoritate dissolvit.»(ID.,Epist. 335, Bambergen. Episcopo et Petro Scholastico Guntin., Quanto personam, 21 agosto 1198 (XII Kal. Septemb.), in Epistularum Innocentii III, cit., p. 191, col. 2, nonché in Regestorum Sive Epistolarum, cit., in PL 214, col. 306C- 307A).
  4. P.V. PINTO, Indirizzo di saluto al Santo Padre, inedito (Un servizio di libertà nella fedeltà al Papa, sintesi in L’Osservatore Romano, ibid.).
  5. «…irritum dissolvere ac validum tuere» (T. SANCHEZ, De sancto matrimonii sacramento, Venetiis, 1685, lib.7, disp. 100, n.14).
  6. Cfr. R.R.T. Sententia definitiva coram Ægidio Turnaturi (ponente), Mauritio Monier ac Pio Vito Pinto, die 13 mai 2004, in Periodica96 (2007), pp. 65-92 con nota di J. KOWAL, Breve annotazione sul bonum comiugum come capo di nullità, ibid., pp.59-64.
  7. BENEDETTO XVI, Allocuzione alla Rota Romana, in L’Osservatore Romano, cit, p.7. 8
  8. BENEDETTO XVI, ibid.
  9. R. COPPOLA, Principio di autonomia e correlazione tra le fattispecie di nullità del consenso matrimoniale in diritto canonico, in “Iustitia et Iudicium” – Studi di diritto matrimoniale e processuale canonico in onore di Antoni Stankiewicz, a cura di J. KOWAL e J. LLOBELL, 1, LEV, Città del Vaticano, 2010, p.424.
  10. BENEDETTO XVI, ibid.
  11. S. GHERRO, Diritto matrimoniale canonico. Lezioni, Cedam, Padova, 1985, p.224.
  12. R. COPPOLA, op. cit., p.425.
  13. BENEDETTO XVI, ibid.
  14. Cfr. S. GHERRO, op. cit., pp. 223-225; R. COPPOLA, op. cit., p. 424s.
  15. Cfr. A. C. JEMOLO, Il matrimonio nel diritto canonico, Giuffrè, Milano, 1941, p. 76; cfr., altresì, Tribunale ecclesiastico campano, Neapolitana, 24 febbraio 1975, in Il diritto ecclesiastico LXXXVII (1976, II), p. 90ss.
  16. GIOVANNI PAOLO II, Allocuzione alla Rota Romana, 30 gennaio 2003, invatican.va.
  17. LEONE XIII, Lett. Enc. Arcanum divinæ sapientiæ, 10 febbraio 1980, in Leonis XIII P. M. Acta, II, p.22