IN LIBRERIA GLI ATTI DEL XLVIII CONGRESSO La riforma del processo matrimoniale a un anno dal Motu Proprio Mitis Judex Dominus Iesus.

138

Nel corso della Giornata dell’Avvocatura, tenutasi il 23 marzo 2017 presso la Pontificia Università della Santa Croce in Roma, è stato presentato il volume degli Atti del XLVIII Congresso nazionale dell’Associazione Canonistica Italiana.
Segue presentazione di Mons. Erasmo Napolitano, Presidente ASCAI

 

Il XLVIII Congresso dell’Associazione Canonistica Italiana, si è tenuto ad Udine dal 5 all’8 settembre scorso.
    Come è noto, il nostro Congresso annuale, segna un appuntamento di significativo interesse non solo per gli Operatori del diritto canonico, ma anche per tutti quelli, che a vario titolo, si occupano di problemi sociali relativi alla vita matrimoniale e familiare, sia nel campo ecclesiale che civile.
    Tema del Congresso è stato “La riforma del processo matrimoniale ad un anno dal Motu Proprio Mitis Iudex Dominus Iesus”. Infatti, l’8 settembre 2015, proprio mentre si svolgeva il precedente incontro tenutosi a Gaeta (LT), sono state pubblicate le due Lettere Apostoliche in forma di motu proprio datae “Mitis Iudex Dominus Iesus” e “Mitis et Misericors Iesus” sulla riforma del processo canonico per le cause di dichiarazione di nullità del matrimonio, rispettivamente nel Codice di Diritto Canonico e nel Codice dei Canoni delle Chiese Orientali.
    A seguito della pubblicazione dei due motu propri, abbiamo assistito ad un rinnovato interesse per il servizio svolto nei Tribunali Ecclesiastici, non solo in ambito accademico, o in quello degli stessi tribunali, ma anche nel contesto pastorale e familiare, con il coinvolgimento di molte diocesi e realtà ecclesiali. Tutto questo può essere considerato un indice significativo di come i documenti pontifici – nel contesto del Sinodo dei Vescovi sulla famiglia – abbiano riportato l’attenzione sulla realtà del matrimonio e dell’operato dei tribunali.
L
a nuova normativa è stata accolta con grande interesse dalla nostra Associazione, che ha organizzato: in collaborazione con la Pontificia Università Gregoriana, la Giornata dell’Avvocatura Ecclesiastica dal tema “La riforma del processo canonico per le cause di dichiarazione di nullità del matrimonio” (15 dicembre 2015) e insieme all’Arcisodalizio della Curia Romana, la Giornata annuale per gli operatori dei tribunali ecclesiastici sul tema “Il nuovo processo matrimoniale canonico” (12 maggio 2016).
    In continuità con le attività appena citate, infatti, il nostro Congresso ha inteso soffermare la riflessione proprio sul tema: «La riforma del processo matrimoniale ad un anno dal motu proprio Mitis Iudex Dominus Iesus» e a quanto ad esso è seguito.

Numerosissimi sono stati i partecipanti per tutta la durata dei lavori congressuali.

L’accoglienza ricevuta dall’Arcidiocesi di Udine, a partire dall’Arcivescovo Metropolita Mons. Andrea Bruno Mazzocato e i suoi collaboratori, unitamente all’impegno organizzativo dell’Avv. Carla Gregoratti e di Mons. Adolfo Zambon, Vicario Giudiziale del Tribunale Ecclesiastico del Triveneto, e i vari sponsor hanno creato un contesto favorevole alla riflessione e allo studio delle varie tematiche trattate dai Relatori.
    Non sono mancati momenti di conoscenza del territorio ospitante, che hanno contribuito anche a favorire le relazioni interpersonali tra i congressisti.
    Il tema del Congresso è stato egregiamente argomentato da diverse angolature: storico,  processuale e pratico.
    Nel consegnare gli Atti del Congresso, mi è gradita l’occasione per ringraziare tutti i Relatori, i Partecipanti e gli Organizzatori, augurandomi che lo studio delle relazioni possano non solo accrescere le nostre conoscenze ma anche risultare utili per l’applicazione delle Riforma del Processo Matrimoniale varata da Papa Francesco a cui esprimiamo la nostra viva gratitudine.

 

Mons. Erasmo Napolitano,

Presidente ASCAI